P&I Guccione vince al TAR Lazio per Pizzarotti sulla gara per la ristrutturazione e il restauro della Casa d’Italia a Zurigo

P&I Guccione e associati ha assistito con successo il RTI Pizzarotti formato dalle imprese Pizzarotti SA e Impresa Pizzarotti & C. S.p.A. nelle controversie riunite relative alla gara indetta dal Consolato Generale d’Italia – Zurigo per l’affidamento dei “lavori di ristrutturazione, restauro e adeguamento funzionale ed impiantistico dell’edificio denominato Casa d’Italia a Zurigo, sita in via Erismannstrasse 6/Ernastrasse 2, Zurigo, Svizzera”, per un importo complessivo di oltre 16 milioni di euro.

Il RTI Pizzarotti, essendosi posizionato al secondo posto, aveva originariamente impugnato l’aggiudicazione disposta dal Consolato Generale d’Italia – Zurigo nei confronti del primo graduato Consorzio Leonardo Servizi e Lavori “Società Cooperativa Consortile Stabile” denunziando la sussistenza di plurime illegittimità.

La stazione appaltante, terminate le verifiche sul possesso dei requisiti del Consorzio Leonardo, disponeva l’annullamento dell’aggiudicazione e la sua esclusione in ragione della mancata comprova dei requisiti dichiarati in gara e provvedeva, al contempo, allo scorrimento della graduatoria in favore del RTI Pizzarotti. Avverso il decreto di annullamento dell’aggiudicazione il Consorzio Leonardo instaurava autonomo e parallelo giudizio nel quale si costituiva il RTI Pizzarotti.

Il TAR Roma (sent. n. 4239/2024), dopo aver disposto la riunione dei due giudizi avendo ravvisato profili di connessione soggettiva ed oggettiva, aderendo integralmente alle tesi difensive dei legali del RTI Pizzarotti, ha accertato la correttezza dell’operato della stazione appaltante confermando, dunque, la legittimità dell’esclusione del Consorzio Leonardo in ragione della mancata comprova dei requisiti.

La decisione merita di essere segnalata non solo per la rilevanza strategica della commessa volta alla ristrutturazione e restauro della sede italiana del Consolato a Zurigo, ma anche per le articolate motivazioni con cui il TAR si è pronunziato in ordine alla infondatezza delle censure del Consorzio Leonardo riguardanti i temi dell’annullamento dell’aggiudicazione e dell’esclusione in ragione della mancata comprova dei requisiti autodichiarati in sede di gara.

I contenziosi sono stati seguiti per il RTI Pizzarotti dal team di P&I composto dai partner Claudio GuccioneMaria Ferrante e dall’associate Donato Caterino che hanno operato in sinergia con il team legale interno, tra cui il Responsabile del settore legale Italia Giorgio De Lorenzi, guidato dal General Counsel Antonio Comes.

In foto Claudio Guccione e Maria Ferrante.

In Primo Piano

Le brevi

La Newsletter di Law Talks

Accetto l'informativa sulla privacy

I Vostri video

Per video corporate, video presentazioni, convegni, videonewsletter, contatta la Redazione per maggiori informazioni.

Più Info