CENTRO STUDI BORGOGNA – INCONTRO FORMATIVO SULLA MODIFICA DELL’ORDINAMENTO PENITENZIARIO Intervista all’Avv. Antonella Calcaterra, Penalista

video
play-rounded-fill


Il mio intervento oggi sarà concentrato sulla novità contenuta nella Riforma del Penitenziario che riguarda
le cosiddette semplificazioni delle procedure; e, in particolare, sulla definizione anticipatoria sulle misure
richieste e per i liberi sospesi con pene fino a un anno e sei mesi. La nuova Legge è intervenuta nella
speranza di forse risolvere questo problema. Che, soprattutto in alcuni Tribunali, è molto serio. Il problema
dei liberi sospesi, attiene alle persone che hanno delle pene che devono essere ancora gestite dal Tribunale
di sorveglianza e che rimangono in attesa della decisione del Tribunale di sorveglianza a volte per due o tre
o quattro anni, con tutte le conseguenze che naturalmente vi sono sulle vite di queste persone.
Perché non è detto che le persone non vogliano in qualche modo saldare i propri debiti con la giustizia.
Allora, la nuova procedura semplificata fa sì che vi sia una decisione -o dovrebbe esserci una decisione- più
rapida da parte del Magistrato relatore del Collegio, perché è comunque e sempre una procedura di
competenza del Tribunale che, però, può anticipare con una istruttoria molto rapida la decisione.
Delegando, appunto, il Presidente – il Magistrato relatore, in maniera tale che possa essere applicata de
plano una misura alternativa che dovrebbe avere una rapida applicazione.
Naturalmente poi ci sono i casi di opposizione che rallenterebbero o, perlomeno, darebbero luogo poi alla
cosiddetta Procedura partecipata.
Niente di rivoluzionario. Ma, forse, qualcosa di buono soprattutto rispetto a queste giacenze che ci sono in
alcuni Tribunali importanti e, naturalmente, a condizione che si faccia diciamo una interpretazione rapida e
una applicazione concordata con protocolli per la gestione appunto dell’istruttoria, in maniera tale che si
possano in qualche modo smaltire questi fascicoli rispetto a pene di persone che, spesso e volentieri, sono
comunque libere da quattro o cinque anni.

In Primo Piano

Le brevi

La Newsletter di Law Talks

Accetto l'informativa sulla privacy

I Vostri video

Per video corporate, video presentazioni, convegni, videonewsletter, contatta la Redazione per maggiori informazioni.

Più Info