AVV. NARDO – LE SFIDE PER IL FUTURO DELL’AVVOCATURA DI MILANO Avv. Vinicio Nardo, Presidente Ordine degli Avvocati di Milano

“Vinicio Nardo, Presidente dell’Ordine degli Avvocati di Milano. Il mondo cambia e con il mondo cambia anche l’Avvocatura, di necessità.

Quali sono, secondo te, le sfide più importanti da cogliere come Professionisti ovviamente del mercato dei servizi legali di Milano ma, in generale, per l’Avvocatura italiana?”
Milano è un’Avvocatura già molto particolare, già molto impegnata sul piano internazionale e sicuramente
deve crescere da questo punto di vista e deve fare anche rete al suo interno; perché è un’Avvocatura che
ha dei mondi che sono molto diversi tra di loro al suo interno, ma che devono imparare su alcune cose a
cooperare.
Poi l’Avvocatura deve crescere sul piano della comunicazione. Parlo soprattutto dell’Avvocatura
istituzionale ed associativa ed anche dell’Avvocatura medio-piccola. I grossi network, la comunicazione la
sanno fare; noi invece siamo a zero. Questo della comunicazione è un aspetto a cui credo molto; perché

non si può affrontare, non il nuovo mondo ma quello che già è il mondo di oggi, senza un’adeguata
comunicazione. Perché senza comunicazione si perde qualsiasi cosa tu faccia, sia sul piano del lavoro
dell’Avvocato sia sul piano delle attività, del ruolo sociale dell’Avvocatura.
Alla fine i problemi di Milano sono minori, io credo, da questo punto di vista dei problemi dell’intera
Avvocatura italiana; che, su alcuni di questi aspetti, ci deve lavorare ancora di più di noi. E poi l’Avvocatura
italiana in sé ha una necessità di uscire da una serie di polemiche pluriventennali che la mortificano…
Bisogna recuperare un po’ di reputation, di immagine, di prestigio.
Per recuperare l’immagine dobbiamo riuscire anche noi a superare tutte le questioni personalistiche che ci
sono. Io credo, che noi Avvocati di Milano da soli, e insieme agli altri, possiamo fare molto per questo.
Senti tu sei favorevole all’Avvocato sul Web e sui Social media… come la vedi?
Ma cosa intendi per l’Avvocato sul web? Abbiamo appena avuto un parere in questo senso….., io penso che
l'Avvocato abbia degli obblighi di non dare pubblicità diciamo comparative, di non dare informazioni
depistanti, quindi di non dare informazioni che siano viziate in un certo senso. Dopodiché credo che
l’Avvocato abbia, sul web come sul giornale, come sulla carta intestata, come sul biglietto da visita, il diritto
di dare le informazioni che riguardano la sua attività.
Perfetto. Siamo allineati: strumenti on line che si integrano con gli strumenti off line. Grazie Presidente e
alla prossima intervista!

Law Talks Redazione

Guarda tutti i post

La Newsletter di Law Talks

Accetto l'informativa sulla privacy

I Vostri video

Per video corporate, video presentazioni, convegni, videonewsletter, contatta la Redazione per maggiori informazioni.

Più Info