L’AVV. Dante De Benedetti di MDBA spiega la Foodlaw

“E’ tutto quello che è estraneo al diritto alimentare tradizionalmente inteso”, questa è la definizione che l’avv. Dante De Benedetti, Managing Partner dello Studio Legale MDBA, ha dato della Foodlaw. Spiegando come questo ambito coinvolga “una determinata categoria di chef, di pasticceri, di professionisti della ristorazione che per loro formazione si occupano non soltanto Diritto alimentare, ma che sono anche chiamati a confrontarsi con settori del Diritto che non erano propri”. Ad esempio “con il mondo del Diritto societario, del Diritto industriale, del Diritto commerciale, ma anche con la contrattualistica e con grossomodo quasi tutti i settori del diritto che riguardano una grande azienda”.

Tramite la Foodlaw si accompagnano “quelle che una volta erano piccole aziende attraverso un percorso per diventare una società e quindi un colosso, come ad esempio quelli che sono in mano ai più importanti chef francesi che oramai fatturano davvero quanto un’industria o un’impresa di grandi dimensioni”.

“La Foodlaw è un vuoto legislativo e forse è un bene che sia così”. – Continua l’avv. De Benedetti – “Mi ricordo quando arrivò Internet, quando Internet travolse il mondo, travolse la società, e si parlava di fare un Diritto di internet, ma per fortuna non è stato fatto. Io credo che il nostro Diritto, il nostro ordinamento sia sufficientemente elastico e contenga sufficienti norme per potersi adattare a qualsiasi nuova realtà sociale. Sarà quindi la Foodlaw ad adattarsi al nostro Diritto. Anche perché l’unico esempio di tentativo di normare la Foodlaw che abbiamo avuto in Italia è quello sciagurato sulla cucina molecolare che per fortuna è rimasto un esempio non seguito”.

Law Talks Redazione

Guarda tutti i post

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La Newsletter di Law Talks

Accetto l'informativa sulla privacy

I Vostri video

Per video corporate, video presentazioni, convegni, videonewsletter, contatta la Redazione per maggiori informazioni.

Più Info